Stift St. Paul im Lavanttal

Hauptstraße, 1 - 9470 St. Paul im Sankt Paul im Lavanttal - Wolfsberg   vedi mappa - contatti
L'abbazia di San Paolo in Lavantall ( in tedesco: Stift St. Paul im Lavanttal) è un monastero benedettino fondato nel 1091 vicino all'attuale città mercantile di Sankt Paul im Lavanttal nello stato austriaco della Carinzia. I locali incentrati sulla chiesa del monastero romanico furono in gran parte ricostruiti in stile barocco nel XVII secolo. L'abbazia fu sciolta nel 1782 con decreto dell'imperatore Giuseppe II, ma fu reinsediata nel 1809 con i monaci che discendevano dall'Abbazia di San Biagio nella Foresta Nera.

Stift St. Paul im Lavanttal Storia

L'abbazia fu fondata dal conte Sponheim Engelberto I, margravio d'Istria dal 1090, sul sito di un antico castello e di una chiesa consacrata dall'arcivescovo Hartwig di Salisburgo nel 991. Seguace di papa Gregorio VII e arcivescovo Gebhard di Salisburgo nell'Investitura Polemica con l'imperatore Enrico IV, Engelberto aveva rinunciato alla sua contea nella Val Pusteria tirolese ma poteva ritirarsi nelle tenute carinziane che suo padre Siegfried I di Spanheim aveva acquisito attraverso il suo matrimonio con l'aristocratico locale Richgard.

Una seconda chiesa dedicata a San Paolo Apostolo era già stata eretta sul posto dal conte Siegfried I. Nel 1085 Engelberto mandò il figlio maggiore, Engelberto II, all'abate Guglielmo di Hirsau in Svevia. Ritornò in Carinzia con dodici monaci benedettini dell'Abbazia di Hirsau, che ricevettero la chiesa e il monastero di San Paolo il 1 ° maggio 1091, insieme a grandi tenute nella valle di Lavant, nella marzo della Stiria e in Friuli. Il conte Engelbert continuò così la tradizione di diverse fondazioni di monasteri benedettini nel ducato carinziano, come l'Abbazia di San Giorgio, Längsee attorno al 1000, l'Abbazia di Ossiach intorno al 1024, il convento di Gurk nel 1043 e l'Abbazia di Millstatt intorno al 1070. Nell'aprile del 1095 si unì al la stessa comunità monastica e morì nell'Abbazia di St. Paul l'anno successivo.

Sostenuto dai sussidi dell'abbazia di Hirsau e dal fratello di Engelbert, arcivescovo Hartwig di Magdeburgo, il monastero prosperò rapidamente e, con il suo scriptorium e una scuola di grammatica, si trasformò nell'abbazia più significativa della Carinzia. Papa Urbano II lo mise sotto la protezione papale nel 1099 e ne impedì lo sviluppo in un monastero proprietario della dinastia Sponheim. La riserva ecclesiastica fu rinnovata da Papa Innocenzo II, che decretò l'esenzione dell'abbazia nel 1140, mentre gli Sponheims, che governavano i Duchi di Carinzia dal 1122, servirono come protettori di Vogt.

Gli abati dovettero far fronte al risentimento della nobiltà locale e cercarono protezione sia dal Papato sia dal Sacro Romano Impero. Durante il conflitto del XV secolo del duca asburgico Federico III con i conti di Celje, le truppe del conte Ulrich II devastarono i locali. L'abbazia fu nuovamente devastata dalle forze ottomane nel 1476 e assediata dal re ungherese Matthias Corvinus nel 1480. Nelle prime guerre ottomane-asburgiche, i sovrani asburgici ingombrarono sempre più il monastero di tributi. Rivaleggiavano con i Principe-Arcivescovi di Salisburgo per esercitare influenza, mentre la vita conventuale decadeva. Nel XVI secolo, gran parte della Carinzia divenne protestante e due abati furono dichiarati deposti dall'arciduca Carlo II dell'Austria interna.



La rinascita di San Paolo iniziò sotto Hieronymus Marchstaller, abate dal 1616. I locali abbandonati intorno alla chiesa del monastero furono ricostruiti secondo i piani modellati sull'Escorial spagnolo. La ricostruzione fu completata sotto i successori di Marchstaller fino al 1683.

Nel 1782/87 l'imperatore Giuseppe II sciolse il monastero e nazionalizzò i suoi possedimenti, tuttavia, nel 1809, sotto il principe abate Dr. Berthold Rottler, i monaci dell'abbazia di San Biagio nella Foresta Nera, anch'essa appena sciolta, si trasferirono in le premesse. Nel 1940 l'abbazia fu nuovamente sciolta dai nazionalsocialisti ma i monaci riuscirono a tornare quando fu riaperta nel 1947. Oggi è il più antico monastero operativo della Carinzia.

Dal 1641 l'abbazia fu membro della Congregazione di Salisburgo, che nel 1930 fu fusa nell'attuale Congregazione austriaca della Confederazione Benedettina.

Stift St. Paul im Lavanttal

Epoca
  • Medioevo
Dove
  • Austria, Wolfsberg
Contatta questa struttura

Vuoi ricevere ulteriori informazioni su questa struttura? Compila questo modulo inserendo i tuoi dati, verrai ricontattato al più presto. Ti raccomandiamo di inserire un indirizzo email valido.

Stift St. Paul im Lavanttal
  Hauptstraße, 1 - 9470 St. Paul im Sankt Paul im Lavanttal
  +43 4357 2019 30
  http://www.stift-stpaul.at

Stift St. Paul im Lavanttal
Servizi offerti

Chiesa (celebrazione riti) Chiesa (celebrazione riti)
Museo/Monumento Museo/Monumento

Stift St. Paul im Lavanttal Dove

Stift St. Paul im Lavanttal
Nelle vicinanze

E' tua questa struttura? Contattaci