Café Bazar

Schwarzstraße, 3 - 5020 Salisburgo - Salisburgo   vedi mappa - contatti
La storia di Salisburgo è stata scritta al Café Bazar e ancora oggi la caffetteria è un luogo popolare dove gli scrittori possono lavorare o trarre ispirazione. L'edificio, sito sulla riva del fiume Salzach, ospitava molti piccoli negozi, per questo motivo era conosciuto come l'edificio del bazar, da cui il nome Café Bazar.

Café Bazar Storia

L'edificio del bazar fu costruito secondo i piani di Valentin e Jakob Ceconi nel 1881. Inizialmente, avevano sede diversi negozi nella parte meridionale. Nel 1906, Carl Spängler & Co, la banca più antica dell'Austria, si trasferì in questa parte dell'edificio. La parte settentrionale dell'edificio del bazar era inizialmente di proprietà dei Charcutiers (macellaio e produttore di salsicce) Johann Greiml. Quest'ultimo fece costruire un caffè qui nel 1882, che prese in affitto a Ferdinand Böck dopo il completamento.

Il 1 ° ottobre 1883, Elisabeth Musch, nata Irber e Josef Musch apparvero come i proprietari del Café Bazar. Dopo la morte di sua moglie, Musch vendette il caffè a Johann e Philippine Brandl nel 1886. Nel 1906, all'allora edificio piatto fu assegnato un tetto a mansarda con torri e una cupola piatta, presumibilmente perché i residenti sul lato opposto di Schwarzstrasse protestarono contro un aumento di un altro piano, in quanto ciò gli avrebbe rovinato la vista della città vecchia di Salisburgo.

Nel 1909 Richard Tomaselli rilevò il Café Bazar (aveva precedentemente affittato il Café Central al numero 8 Schwarzstrasse), che riaprì il 23 settembre 1909. Dopo il 1958 fu continuato da Otto, figlio di Richard Tomaselli. Dopo la sua morte prematura nel 1959, sua figlia di 21 anni Vera prese la gestione del bar. La costruzione del giardino d'inverno risale a loro. Nel 2003 ha ceduto l'attività alla famiglia di Evelyn Brandstätter.

Il Café Bazar ha sempre avuto un libro degli ospiti dal 1927 ad oggi. Nelle sue pagine puoi trovare i nomi degli ospiti più illustri della Città di Mozart:

Max Reinhardt, Hugo von Hofmannsthal, Marlene Dietrich, Attila Hörbiger, Paula Wessely, Bertha Zuckerkandl, Karl Heinrich Waggerl, Stefan Zweig, Thomas Mann, Thomas Bernhard, Friedrich Torberg, Arturo Toscanini, Romy Schneider, Oskar Werner, Arthur Miller, Maria Schell, Klaus Maria Brandauer, Udo Jürgens, Seiji Ozawa, Nina Hoss, Tobias Moretti, Peter Simonischek, Iris Berben e molti altri.

Nel 1999 Walter Müller scrisse un libro sul Cafe Bazar che descrive la storia commovente e importante della caffetteria di Salisburgo.

Café Bazar

Epoca
  • Novecento
Dove
  • Austria, Salisburgo
Contatta questa struttura

Vuoi ricevere ulteriori informazioni su questa struttura? Compila questo modulo inserendo i tuoi dati, verrai ricontattato al più presto. Ti raccomandiamo di inserire un indirizzo email valido.

Café Bazar
  Schwarzstraße, 3 - 5020 Salisburgo
  +43 662874278
  www.cafe-bazar.at/en/
  https://www.facebook.com/cafesalzburg/

Café Bazar
Servizi offerti

Bar / Caffè Bar / Caffè
E' tua questa struttura? Contattaci