Parco Mediceo di Pratolino

Via Fiorentina, 276 - 50036 Vaglia - Firenze   vedi mappa - contatti
A pochi chilometri da Firenze c'è l'oasi verde del Parco di Pratolino. Fra prati, boschi e laghetti, uno dei parchi più grandi della Toscana, conosciuto con il nome di Villa Demidoff, il Parco di Pratolino ha una storia molto intrigante che lo porta inizialmente a essere modello per i giardini europei del manierismo, alto esempio di eccellenza artistica e tecnica, poi destinato al declino e quindi trasformato nel paesaggio più moderno dell’inizio dell’Ottocento, senza perdere comunque il fascino struggente del complesso straordinario perduto.

Parco Mediceo di Pratolino Storia

Nell’anno 1568 Il Granduca Francesco I de’ Medici acquistò la tenuta di Pratolino per farvi costruire da Bernardo Buontalenti una magnifica villa, con grotte artificiali, macchinari e artifizi che vedessero la compresenza di natura, arte e scienza. L'intero complesso, terminato intorno al 1581, appariva come un giardino fantastico all'interno del quale erano presenti anche opere di altri artisti quali il Cellini, il Giambologna, il Bandinelli, il Cioli, l’Ammannati e molte opere antiche provenienti dalle collezioni medicee, e tale si conservò sino alla scomparsa dell’ultimo Granduca Gian Gastone. Il parco venne definito dai contemporanei "il giardino delle meraviglie".

Nel 1737, con l'arrivo al potere in Toscana dei nuovi regnanti, i Lorena, il Parco venne lasciato in stato di abbandono per 80 anni per poi venire strutturalmente modificato nel 1820 dall’ingegnere J.Frietsch, che seguì i canoni  romantici dell’epoca. Nel 1824 la Villa medicea venne demolita perché pericolante, insieme ad altri fabbricati. L'unico lavoro di ampliamento di questo periodo fu la costruzione di un belvedere panoramico, il Casino di Montili.

Nel 1872 gli eredi dell’ultimo Granduca, Leopoldo II di Lorena, vendettero la proprietà al Principe russo Pavel Demidoff che trasformò l'edificio della Paggeria medicea in quella che oggi è conosciuta come Villa Demidoff (quella originaria si è detto che andò distrutta insieme ai suoi mirabolanti giochi idraulici), ampliandolo sul lato destro con la costruzione della Sala Rossa dove fece trasportare tutte le  sue collezioni di opere d’arte. La proprietà Demidoff si mantenne fino alla scomparsa della Principessa Maria (1955). La proprietà passò al nipote, Paolo Karageorvic, principe di Jugoslavia, che nel 1969 cedette ad una società immobiliare di Roma i terreni e gli edifici e mise all'asta gli arredi e le suppellettili di famiglia, disperdendo ulteriormente il patrimonio ereditato.

Nel 1981 quello che restava della tenuta (155 ettari) fu acquistato dalla Provincia di Firenze (ora Città Metropolitana di Firenze), che la sottrasse al rischio di lottizzazione e speculazione.

Dell'antico Parco mediceo si sono conservati: la Cappella, costruita dal Buontalenti nel 1580, la Grande Voliera, la Vasca o Peschiera della Maschera, Il Gigante dell’Appennino realizzato dal Giambologna, la Grotta del Mugnone, la Grotta di Cupido, le Scuderie e una parte delle vasche delle Gamberaie.

Dal 2013 il Giardino di Pratolino è inserito nel sito seriale Ville e giardini medicei toscani, Patrimonio Mondiale UNESCO. Il Parco Mediceo di Pratolino è aperto nei giorni di venerdì, sabato, domenica e festivi con orario 10.00-20.00 e con ingresso gratuito.

Parco Mediceo di Pratolino

Epoca
  • Cinquecento
  • Seicento
  • Settecento
Dove
  • Italia, Firenze
Contatta questa struttura

Vuoi ricevere ulteriori informazioni su questa struttura? Compila questo modulo inserendo i tuoi dati, verrai ricontattato al più presto. Ti raccomandiamo di inserire un indirizzo email valido.

Parco Mediceo di Pratolino
  Via Fiorentina, 276 - 50036 Vaglia
  http://www.cittametropolitana.fi.it/parco-mediceo-di-pratolino/

Parco Mediceo di Pratolino
Servizi offerti

Parco / Labirinto / Laghetto Parco / Labirinto / Laghetto

Parco Mediceo di Pratolino Dove

E' tua questa struttura? Contattaci