Schloss Anif

Schlossallee, 1 - 5081 Anif - Salisburgo   vedi mappa - contatti
Il Palazzo Anif (Schloss Anif), noto anche come il Palazzo dell'Acqua Anif, si trova accanto a un laghetto artificiale ad Anif, all'estremità meridionale di Salisburgo, in Austria. Il palazzo un tempo era la sede dei vescovi del Chiemsee, e successivamente fu adibito a corte fino al XIX secolo. Fu rimodellato tra il 1838 e il 1848 in stile neogotico. Anif è famoso soprattutto per il suo utilizzo in diversi film, tra cui The Sound of Music, The Great Race e The Odessa File di Frederick Forsyth.

Schloss Anif Storia

Le sue origini non possono essere datate con esattezza, ma esiste un documento del 1520 circa che mostra l'esistenza di un palazzo chiamato Oberweiher in questo luogo. Il suo proprietario era l'ufficiale giudiziario dell'elenco del dominio Lienhart Praunecker.

Dal 1530 il palazzo sull'acqua viene regolarmente menzionato come feudo dato dal rispettivo arcivescovo di Salisburgo. In questo modo fu donato ai vescovi di Chiemsee dopo un restauro da Johann Ernst von Thun nel 1693; da quel momento in poi i vescovi lo utilizzarono come residenza estiva.

Quando Salisburgo cadde in Austria nel 1806, il palazzo e lo stagno divennero di proprietà pubblica. Nonostante il palazzo da quel momento sia stato affittato, i rispettivi utenti non hanno intrapreso alcun intervento di ricostruzione o restauro degno di nota.

La situazione cambiò quando la proprietà fu venduta al conte Alois Arco-Stepperg nel 1837. Tra il 1838 e il 1848 il palazzo Anif ricostruì il palazzo di Anif in un nuovo stile romanticizzante gotico e gli diede il suo aspetto attuale. Fino a quel momento, il palazzo era semplicemente costituito da una semplice abitazione a quattro piani e da un edificio a due piani collegato a una cappella.

Dopo la morte del conte nel 1891 la proprietà passò alla sua parente più vicina, Sophie, che era sposata con il conte Ernst von Moy de Sons; il palazzo finì così nelle mani della sua vecchia famiglia nobile francese.

Nel 1918, il palazzo attirò l'attenzione del pubblico quando il re Ludovico III di Baviera e la sua famiglia e il suo entourage fuggirono per sfuggire alla Rivoluzione di novembre. Con la Dichiarazione di Anif del 13 novembre 1918, Ludovico III rifiutò di abdicare; tuttavia, ha liberato tutti i funzionari del governo bavarese, i soldati e gli ufficiali dal loro giuramento perché non era in grado di continuare il governo.

Durante la seconda guerra mondiale le unità tedesche della Wehrmacht furono ospitate nel palazzo, seguite da unità americane nel 1945.

Nell'ottobre 2001 il palazzo e il suo proprietario Johannes Count von Moy de Sons hanno fatto notizia quando è stato rivelato che parte dei mobili, che erano stati messi sotto lo stato di conservazione storica come un insieme con il palazzo, erano stati offerti in vendita da Sotheby's a Amsterdam. Alcuni dei pezzi sono stati restituiti all'Austria e sono ora in parte visibili nel Museo Carolino Augusteum di Salisburgo.

Il Palazzo Anif è ancora di proprietà privata della famiglia von Moy, che lo ha restaurato fondamentalmente tra il 1995 e il 2000.

Schloss Anif

Epoca
  • Cinquecento
Dove
  • Austria, Salisburgo
Prenota adesso
Contatta questa struttura

Vuoi ricevere ulteriori informazioni su questa struttura? Compila questo modulo inserendo i tuoi dati, verrai ricontattato al più presto. Ti raccomandiamo di inserire un indirizzo email valido.

Schloss Anif
  Schlossallee, 1 - 5081 Anif
  www.visit-salzburg.net/sights/anifcastle.htm

Schloss Anif
Servizi offerti

E' tua questa struttura? Contattaci