Schloss Goldenstein

Goldensteinstraße, 2 - 5061 Elsbethen - Salisburgo   vedi mappa - contatti
Il castello di Goldenstein è situato in posizione centrale, non lontano dalla chiesa di Santa Elisabetta, a Elsbethen, un comune meridionale che circonda la città di Salisburgo in Austria. Il castello ora ospita una scuola media femminile privata per le donne del coro agostiniano e non è aperto al pubblico.

Schloss Goldenstein Storia

Non ci sono documenti sul costruttore o sull'anno di costruzione del castello, quindi si può solo indovinare. La data di origine più probabile è intorno al 1400, cosa che può essere desunta da citazioni documentate, date di costruzione e confronti stilistici. Ma i signori di Campanif sono anche accreditati della costruzione del castello nel 1271. Dal 15 ° secolo, Goldenstein può essere archiviato.

L'operazione di ricerca dell'oro, che è stata condotta nell'Alto Salzach (anche se su scala molto ridotta) fino al XIX secolo, è stata occasionalmente associata al nome Goldenstein. Tuttavia, come ha confermato Franz Hörburger Goldenstein, “non ha nulla a che fare con l'oro metallico; con le sue due parti della parola è un nome tipico del castello ”. Dall'alto del monte Hellbrunn e dalla terrazza panoramica sopra il teatro di pietra, c'è una bella vista storicamente importante sulla foresta alluvionale e sul Salzach fino al castello di Goldenstein. In questo contesto, Adolf Hahnl "chiarisce che l'intero asse del giardino manierista del castello di Hellbrunn è allineato con il palazzo di Goldenstein".Sotto il principe arcivescovo Firmian, questo importante asse dei giardini del palazzo fu sottolineato ancora più chiaramente dal giardiniere di corte Franz Anton Danreiter creando un viale di abeti rossi di fronte al palazzo Goldenstein. Nell'adiacente bosco ripariale, questo asse è chiaramente riconoscibile come uno stretto "varco" incontaminato. Un altro asse storico era dal castello di Anif al castello di Goldenstein. Questo ex lungo viale è sopravvissuto solo in un'area molto piccola.


Il primo proprietario verificabile di Goldenstein è Hans von Haunsperg, menzionato come proprietario nel 1417. Dopo la sua morte nel 1449, suo genero, Ritter Ulrich von Fladnitz, è indicato come proprietario. I proprietari cambiarono più volte fino a quando Raimund Anton Meinrad von Rehlingen vendette il castello al monastero benedettino di San Pietro nel 1710, entrando a far parte dell'ordine carmelitano a Roma. Da questo punto in poi il castello fu sede dell'amministrazione immobiliare e fu utilizzato anche come luogo di relax.

Nel 1869 il monastero di San Pietro decise di vendere Goldenstein e nel 1877 lo lasciò alle donne del coro agostiniano che furono espulse da Rastatt presso Baden. Dal 1897 questo Ordine del Coro Femminile Regolamentato di St. Agostino della Congregazione Nostra Signora Amorevole Proprietari della struttura. Il castello di Goldenstein è stato poi adattato come monastero e centro educativo.

La diversità della vita culturale e del lavoro a Goldenstein nel XVIII secolo comprende l'attività edilizia, la base economica, le attrezzature e gli artisti. L'aspetto esterno del castello all'inizio del XVIII secolo è testimoniato da un ritratto di Raimund von Rehlingen, che si trova nell'odierna sala da pranzo. Il complesso del palazzo barocco è illustrato ancora più chiaramente in un dipinto del 1768, che si trova anche nella sala da pranzo. L'edificio imponente è rappresentato da sud con la cosiddetta scala signorile, i due corpi di fabbrica e il giardino di delizie con la disposizione rigorosamente simmetrica tipica dell'epoca. L'ampiezza della proprietà legata a Goldenstein è rilevabile da una lettera di acquisto del 1695, che si trova nell'archivio del monastero di San Pietro. Nel 1710 ci sono 29 soggetti signorili e tenute appartenenti a Goldenstein.

Ci sono anche prove che nel corso del XVIII secolo furono effettuati ampi lavori di ristrutturazione all'interno e all'esterno. Ad esempio negli anni dal 1761 al 1768 e soprattutto nel 1772, quando a molti artisti e artigiani furono affidati lavori di adattamento. Si rinnovano gli infissi, le finestre e le tende, il falegname Josef Krimpacher realizza tavoli e scatole. Per arredare le stanze furono impiegati stuccatori e furono acquistati quadri. Il pittore Franz Xaver König ha lavorato anche nelle quattro stanze degli ospiti e nella sala da pranzo. Nel 1790 l'intero castello fu ristrutturato da un falegname di nome Rödl.

Il castello è stato utilizzato principalmente come luogo di relax nei mesi autunnali di settembre e ottobre. Un libro degli ospiti conservato dal 1790 registra i nomi di tutti i visitatori che hanno cenato a Goldenstein a pranzo ea cena. Non solo abati del monastero di San Pietro, ma anche familiari, professori, confratelli del monastero, nobili e cittadini di Salisburgo, nonché visitatori delle contee circostanti, venivano regolarmente al castello per pranzare lì. Michael Haydn, il fratello minore di Joseph Haydn, era anche un ospite frequente allo Schloss Goldenstein, che soggiornava e cenava regolarmente a Goldenstein dal venerdì al sabato.

Schloss Goldenstein

Epoca
  • Medioevo
Dove
  • Austria, Salisburgo
Contatta questa struttura

Vuoi ricevere ulteriori informazioni su questa struttura? Compila questo modulo inserendo i tuoi dati, verrai ricontattato al più presto. Ti raccomandiamo di inserire un indirizzo email valido.

Schloss Goldenstein
  Goldensteinstraße, 2 - 5061 Elsbethen
  +43 0662 623213
  www.hs-goldenstein.salzburg.at/html/

Schloss Goldenstein
Servizi offerti

Affitto per Cerimonie / Convegni Affitto per Cerimonie / Convegni

Schloss Goldenstein Dove

E' tua questa struttura? Contattaci