Stiegl

Kendlerstraße, 1 - 5020 Salzburg - Salisburgo   vedi mappa - contatti
Il birrificio Stiegl di Salisburgo è un birrificio austriaco. Stiegl è il birrificio privato più grande dell’Austria e tra i luoghi che attirano il maggior numero di turisti a Salisburgo. Gli appassionati della birra vi trovano infinite possibilità per andare alla scoperta della birra con tutti i sensi: dal cinema del birrificio alla sala di cottura fino alla gastronomia tutta dedicata alla birra.

Stiegl Storia

Nel 1492 il Prewhaus sul Gstätten  fu menzionato per la prima volta in un documento. A quel tempo, Hans Peuntner lasciò in eredità il birrificio alla vedova di suo figlio Jörg. Il birrificio prese il nome da una piccola scala che portava dal birrificio all'Alkanal. Il vecchio birrificio serviva da birreria fino al 1909, quando fu venduto alla città di Salisburgo, che a sua volta vendette parte dell'edificio al monastero delle Orsoline. L'ordine fece costruire qui un liceo femminile. Oggi c'è anche una piccola scala che porta da Gstättengasse a Anton-Neumayr-Platz.

Nel 1819, Johann Schreiner acquistò il birrificio Stiegl. Insieme a sua moglie Anna Holzegger, acquistò il numero civico 206 a Festungsgasse e vi costruì una cantina di marzo. Il giardino terrazzato odierno era originariamente parte delle fortificazioni della città. Nel 1838 il birrificio Stiegl acquisì la licenza di rubinetto per il giardino e la cantina di stoccaggio. La cantina di marzo fu ulteriormente ampliata nel 1840 e nel 1860 Josef Schreiner fece costruire una seconda cantina. Nel 1901 fu ricostruito dal capomastro Jacob Ceconi e dotato di canottieri, timpani e torrette. L'ultima ristrutturazione fu effettuata nel 1926 dall'architetto di Monaco Franz Zell.

C'è una locanda con una grande sala da pranzo all'aperto in Müllner Hauptstraße n. 7 dal XVII secolo. Nel XVIII e XIX secolo, il Moserbräu di Judengasse gestiva una locanda e una cantina per la birra. Alla fine del 18 ° secolo, fu ospitata una casa pubblicitaria imperiale per soldati. Dopo alcuni proprietari intermedi, la casa fu acquisita dal birrificio Stiegl nel 1902 e trasformata in una famosa cantina di birra. L'edificio è anche noto per una visita imperiale: l'imperatore Francesco I e lo zar Alessandro I erano in rotta verso il cosiddetto Congresso veronese della Santa Alleanza nel 1822. Si sono incontrati con il loro entourage in questa casa per vedere uno skipper che salta sul Salzach. Oggi l'edificio è stato convertito in un condominio.

Nel 1863, Josef Schreiner trasferì il birrificio a Maxglan. Il suo successore Kiener acquistò anche la cosiddetta Rochuskaserne insieme alla cappella della peste di San Rocco nel 1901. Questo edificio fu originariamente costruito sotto l'arcivescovo Wolf Dietrich von Raitenau come una casa della peste urbana. L'arcivescovo Sigismund Graf Schrattenbach fece ristrutturare l'ospedale nel 1754-1758 e lo trasformò in un "allevamento e lavoro per ruffiani, fornicazione e servi e bambini impotenti". Un'iscrizione sopra il cancello d'ingresso commemora questo uso ("Abstine aut sustine", 1758, ovvero "Meide oder leide"). Quando Salisburgo venne in Austria nel 1816, l'ospedale fu utilizzato come caserma e anche la cappella fu demolita. Oggi, tra le altre cose, sono ospitate le stalle per i cavalli da fermentazione, ma al centro c'è ancora la cappella di Rochus, che è importante in termini di storia culturale.

Dopo un grave incendio a Maxglan, il birrificio fu rilevato da Franz Huemer nel 1887, che riorganizzò le finanze dell'azienda. Entro dieci anni, ha aumentato la produzione da 18.000 a 90.000 ettolitri. Nel 1889, suo nipote Heinrich Kiener entrò a far parte dell'azienda, i cui discendenti controllano ancora oggi il birrificio.

Nel corso della prima guerra mondiale, Stiegl subì forti cali, da cui si riprese lentamente negli anni '20. Dal 1920 il birrificio aveva un proprio collegamento con la rete ferroviaria austriaca attraverso la cosiddetta Stieglbahn, che rendeva molto più facile il trasporto della birra. Nel 1924, ogni seconda birra bevuta a Salisburgo era una Stiegl. Dal 1921 al 1925 gli edifici agricoli vuoti del birrificio di Maxglan furono affittati al Salzburger Kunstfilm, la prima società cinematografica di Salisburgo, che istituì studi cinematografici e un laboratorio al suo interno. Il crollo del mercato azionario nel 1929 causò ancora una volta tempi di magra per il birrificio, che si concluse solo con l'invasione delle truppe tedesche nel 1938 e la derisione economica associata.

Dopo la fine della seconda guerra mondiale, Stiegl fu in grado di produrre solo circa 67.000 litri di birra sottile da 2,5 gradi a causa della scarsa situazione delle forniture. Fu solo nel 1948 che, grazie a migliori materie prime, fu di nuovo possibile offrire una birra abbastanza decente.  Poiché i soldati americani di stanza a Salisburgo avevano abbastanza materie prime disponibili da casa, furono in grado di ricorrere alla birra "di alta qualità". Con la nota "Prodotta e imbottigliata nel birrificio Stiegl" sulle etichette e sui sottobicchieri, si fa riferimento alla produzione di birra "americana" nel birrificio Stiegl.

Nel 1990 Heinrich Kiener, 80 anni, morì dopo 51 anni nel birrificio. Con Heinrich Dieter Kiener, un altro membro della famiglia rilevò il birrificio Stiegl. Dal 1991 la cantina di fermentazione e stoccaggio è stata ampliata e nel 1995 è stata aperta la più grande esposizione di birra in Europa e un luogo per concerti, spettacoli teatrali e di cabaret con il mondo della birra Stiegl.

Stiegl

Epoca
  • Ottocento
Dove
  • Austria, Salisburgo
Contatta questa struttura

Vuoi ricevere ulteriori informazioni su questa struttura? Compila questo modulo inserendo i tuoi dati, verrai ricontattato al più presto. Ti raccomandiamo di inserire un indirizzo email valido.

Stiegl
  Kendlerstraße, 1 - 5020 Salzburg
  +43 50 14920
  www.stiegl.at
  https://www.facebook.com/stieglbrauerei
  https://www.instagram.com/Stieglbrauerei/

Stiegl
Servizi offerti

Bar / Caffè Bar / Caffè
Enoteca / Cantina Enoteca / Cantina
Museo/Monumento Museo/Monumento
Negozio prodotti tipici Negozio prodotti tipici
Ristorante Ristorante
E' tua questa struttura? Contattaci