Villa Carlotta

Via Regina, 2 - 22019 Tremezzo - Como   vedi mappa - contatti
Incastonata tra le montagne e gli incantevoli scorci sulla penisola di Bellagio, villa Carlotta sorge sulla sponda occidentale del Lago di Como ed occupa una superficie di oltre 70.000 metri quadrati.

Villa Carlotta Storia

La costruzione fu iniziata intorno al 1690 dal banchiere milanese Giorgio Clerici; nel 1795 la proprietà venne acquistata dall'imprenditore Giambattista Sommariva, quindi, nel 1843, dalla principessa Marianna di Nassau, che ne fece dono alla figlia Carlotta di Prussia in occasione delle nozze con Giorgio II duca di Sassonia-Meiningen.  

Giorgio, nato a Meiningen nel 1826, era un uomo colto e dai molteplici interessi; profondamente appassionato di belle arti e artista egli stesso, amante della musica, studioso di storia e letteratura, mecenate del teatro; egli aveva conosciuto Carlotta, nata a Berlino nel 1831 - giovane intelligente, molto dotata per la musica, interessata, come lui, al teatro - e se ne era presto innamorato. Quello che le cronache dell'epoca non esitano a definire un matrimonio d'amore - lontano dalle logiche di potere e di palazzo - venne celebrato, dopo un breve fidanzamento, il 18 maggio 1850.

Dopo quattro anni felici e allietati dalla nascita di tre figli, nel 1855 Carlotta morì prematuramente. Nel testamento la sfortunata principessa lasciò in eredità la villa di Tremezzo al marito, che sempre se ne occupò con grande cura. Giorgio decise di risposarsi in tempi brevi, se non altro per poter affiancare ai figli una nuova figura materna; la scelta cadde su una cugina, Fedora di Hohenlohe-Langenburg. Dopo la morte di Fedora, Giorgio si sposò, nel 1873, una terza volta, ma morganaticamente, con l'attrice Ellen Franz. Questa scelta non fu condivisa né dalla famiglia, né da molti regnanti europei; la nuova coppia tuttavia fu molto amata dai propri sudditi. Giorgio morì nel 1914.

Una delle opere più celebri del Lago di Como, un luogo assolutamnte unico, dove l'opera dell'uomo si è felicemente integrata con quella della natura, che grazie a G.B. Sommariva raggiunse l’apice dello splendore, trasformando parte del giardino in parco romantico e impreziosendo la dimora con le opere degli artisti più famosi dell'epoca come Canova, Thorvaldsen e Hayez facendone un tempio dell'arte neoclassica e ottocentesca.

Favorito dalla fertilità del terreno dovuta al deposito, da parte di antichi ghiacciai, di un sedimento particolarmente acido, il parco di villa Carlotta è celeberrimo per la stupefacente fioritura primaverile dei rododendri e delle azalee in oltre 150 varietà; un itinerario tra antichi esemplari di camelie, cedri e sequoie, cipressi, platani immensi, faggi purpurei, essenze esotiche, si susseguono sorprendenti incontri: il giardino roccioso, la valle delle felci, il bosco dei rododendri, il giardino dei bambù, il museo degli attrezzi agricoli e panorami straordinari.

Villa Carlotta

Epoca
  • Seicento
Dove
  • Italia, Como
Contatta questa struttura

Vuoi ricevere ulteriori informazioni su questa struttura? Compila questo modulo inserendo i tuoi dati, verrai ricontattato al più presto. Ti raccomandiamo di inserire un indirizzo email valido.

Villa Carlotta
  Via Regina, 2 - 22019 Tremezzo
  +39 0344 40405
  www.villacarlotta.it

Villa Carlotta
Servizi offerti

Parco / Labirinto / Laghetto Parco / Labirinto / Laghetto

Villa Carlotta Dove

E' tua questa struttura? Contattaci