Villa Giusso

Via Camaldoli, 51 - 80069 Vico Equense - Napoli   vedi mappa - contatti
Astapiana Villa Giusso è situata su una splendida posizione dominante la penisola sorrentina, a 400 metri sul livello del mare. Votata all’ospitalità fin dai tempi antichi, quando i monaci accoglievano i viandanti, anche oggi come allora invita a godere della sua magica atmosfera: le camere e le suite, situate nell’edificio principale, nella foresteria o nelle antiche celle dei monaci, presentano arredi d’epoca e letti in ferro battuto. Il ristorante trae ispirazione dalla ricca tradizione gastronomica del territorio, con le antiche ricette locali riproposte utilizzando materie prime a "chilometro zero".

Villa Giusso Storia

Un tempo erano i monaci che qui offrivano riparo ai viandanti in transito lungo la strada che da Napoli porta a Sorrento; oggi Giulia Elefante Rispoli dà ospitalità ai visitatori giunti nella zona per godere del bel mare della Costiera Amalfitana e per scoprirne l'affascinante entroterra ricco di storia e cultura. Prima di diventare, nel 1822, la residenza del banchiere genovese Luigi Giusso, duca del Galdo, che impiantò nelle vicinanze un pionieristico allevamento di bachi da seta, Villa Giusso era infatti un monastero camaldolese, sorto nel XVII secolo grazie alla munificenza di due personalità della zona: Matteo di Capua, principe di Conca e feudatario di Vico Equense, e Cesare Zafferano, che donarono rispettivamente il terreno e il danaro per la costruzione dell’ospizio religioso. 
L’aver mantenuto intatta la struttura seicentesca - sottoposta al vincolo dei Beni culturali e ambientali -assicura all'edificio un fascino antico, caratterizzato da ambienti molto spaziosi, di grande sobrietà, che ricordano le sue origini monastiche, Ma allo stesso tempo, pezzi di antiquariato, quali grandi tele e mobili d’epoca, ne arredano sia le sale comuni sia le camere riservate ad alloggio. Una location tutta da scoprire, che tra i suoi ospiti ha vantato premi Nobel e illustri luminari come John F. Nash, Paul J. Crutzen, Harold Kroto e Riccardo Giacconi, affascinati come tutti dal maestoso scenario storico-naturalistico e dalle delizie del palato in occasione della loro visita a Vico Equense per ricevere il Premio Capo d’Orlando.
 Cuore e gioiello della casa è sicuramente la grande cucina maiolicata con focolare e piastrelle originali del Settecento, dove al mattino viene servita la prima colazione, che è anche la suggestiva cornice di cene a tema, cui si può partecipare solo su prenotazione: grazie alla maestria di un esperto chef si riscoprono così gli antichi piatti del convento e i sapori della tradizione campana, in particolare sorrentina e amalfitana. La villa vanta anche un antico colonnato, scenografico fondale molto apprezzato in occasione di ricevimenti e banchetti, e un giardino che affaccia sul golfo di Napoli.

Villa Giusso

Epoca
  • Seicento
Dove
  • Italia, Napoli
Personaggi storici
Contatta questa struttura

Vuoi ricevere ulteriori informazioni su questa struttura? Compila questo modulo inserendo i tuoi dati, verrai ricontattato al più presto. Ti raccomandiamo di inserire un indirizzo email valido.

Villa Giusso
  Via Camaldoli, 51 - 80069 Vico Equense
  +39 081 8024392
  www.astapiana.com

Villa Giusso
Servizi offerti

Affitto per Cerimonie / Convegni Affitto per Cerimonie / Convegni
Bed&Breakfast o Appartamenti in affitto Bed&Breakfast o Appartamenti in affitto
Ristorante Ristorante

Villa Giusso Dove

E' tua questa struttura? Contattaci