Weitmoser Schlössl

Schloßgasse, 14 - 5630 Bad Hofgastein - Sankt Johann im Pongau   vedi mappa - contatti
Il Weitmoserschlössl ( si trova nel distretto di Vorderschneeberg del comune di Bad Hofgastein nel distretto di St. Johann im Pongau di Salisburgo ). Il castello, visibile da lontano, si trova sul lato ovest della Valle di Gastein. Nelle sale storiche del ristorante si servono piatti della tradizione austriaca, abbinati a vini di tutta Europa. La combinazione del castello e della stalla adiacente è adatta per una varietà di eventi.

Weitmoser Schlössl Storia

Il castello è strettamente associato alla famiglia Weitmoser. Il primo a essere menzionato qui è Hans Weitmoser, che può essere verificato come proprietario di varie proprietà nella Valle di Gastein dal 1518, come B. l'Eliasgütl e il Maurachlehen zu Hundsdorf. Hans Weitmoser fu anche uno dei capi della rivolta contadina di Salisburgo; per questo si è scusato ed è stato riaccolto dal sovrano Matthäus Lang. Nel 1518 ha anche agito come commissario commissionato per conto dell'arcivescovo in una disputa mineraria. Questo Hans è stato anche in grado di acquistare azioni della miniera e sembra essere stato fortunato a guidare i suoi tunnel sul Radhausberg. Erede era suo figlio Christoph Weitmoser nel 1526. Si iscrisse all'Università di Friburgo in Brisgovia nel 1522. Quando rilevò la sua eredità, dovette anche assumere circa 10.000 fiorini debitori; il sovrano aiutò il giovane Christoff con un prestito di 100 "imperiali". Intorno al 1530 egli stesso poté estrarre ricco minerale attraverso il tunnel "a nostra moglie" e saldare i suoi debiti. Nel periodo dal 1554 al 1560, si stima che sia stato in grado di estrarre circa 300 kg di oro e circa 1200 kg di argento all'anno. Christoff Weitmosers erano tra i finanzieri dell'arciduca Ferdinando di Tirolo e del duca Ernst di Baviera.

Intorno al 1538 acquistò l'antico Goldeckhof (noto anche come Goldegger Hof ). Una targa di iscrizione mostra che il Goldeckhof fu incendiato nel 1553 e fu ricostruito entro due mesi l'anno successivo. Questo edificio esiste oggi come l'ala nord dell'intero complesso. Weitmoser ricevette il titolo di Consiglio imperiale già nel 1552, ma non riuscì a ottenere l'inclusione nel Salzburger Landtafel, anche se era già un nobile bavarese attraverso l'acquisizione di Hofmark Winkl. Nel 1555 scrisse una richiesta formale al sovrano di Salisburgo, in cui esprimeva il desiderio che l'arcivescovo Michele lo elevasse alla carica di cavaliere. Anche questo gli fu concesso.

Dopo la morte di Christoph Weitmoser economicamente di grande successo, la famiglia Weitmoser declinò, anche perché l'immensa fortuna (320.000 fiorini) dovette essere divisa tra tre figli e quattro figlie dal loro matrimonio con Elisabeth Vötzl nel 1531 . Il declino della famiglia si riflette anche in una leggenda escursionistica di ascesa e disagio, che non è solo diffusa nella Valle di Gastein, fino allo spostamento del velo nuziale, ma che è solo marginalmente collegata a fatti reali.

La proprietà fu acquistata nel 1606 da Hanns Leykhofer e nel 1621 da Georg, Hans, Jacob e Kunigung Leykhofer. Dal 1624 Hanns e Kunigundt erano i proprietari. Hanno costruito uno Stöckhl in mattoni di recente con i due nuclei rotondi sui bordi orientali dell'edificio. Nel 1628 l'altare della cappella del palazzo fu consacrato al primo piano del nuovo edificio. Come protestante, Leykofer dovette lasciare lo Stato di Salisburgo e la proprietà fu acquistata prima nel 1625 da Leonhart Rainpacher e nel 1626 da Alexander Hölzl von Sylion e dalla sua casalinga. Gli affreschi della cappella con motivi biblici del pittore Ludwig Lindner risalgono al primo quarto del XVII secolo. Al secondo piano è stata installata una stanza con boiserie e soffitto a cassettoni, che viene chiamata a torto la Weitmoserstube (poiché questo non ha nulla a che fare con la famiglia). Nel 1634 Johann Riept, pastore di Haus e Schladming acquistò il castello. Il suo erede fu Franz Kumminger. Altri proprietari sono provati: Johann Pichler, Georg Stuchner, Franz Benedikt Hasler.

Nel 1752 Benedikt Niklas Scharfetter, uno Scharfetter, acquistò per la prima volta la proprietà. Nel 1755 Josef Anton Trauner, amministratore di Hundsdorf viene nominato proprietario. Dal 1796 Andrä Scharfetter è il proprietario; da allora la famiglia Scharfetter è proprietaria della proprietà.

Nel 1850 l'interno del castello subì un accurato restauro. Nel 1937 gli affreschi della cappella furono riscoperti e restaurati. Nel 1952 l'esterno è stato ristrutturato con l'aggiunta di una terrazza per il caffè sul lato sud. L'anno 1400 sopra l'ingresso alla parte più antica del palazzo non ha basi storiche.
Oggi qui ha sede il ristorante-caffetteria Weitmoser dove stanze nostalgiche del XVII secolo costituiscono la cornice delle delizie culinarie.
Lo chef Franz Schnöll gestisce la cucina del castello insieme a Haymo Hergesell dal dicembre 2016, offrendo una cucina austriaca di alto livello. Specialità: vitello biologico Pinzgauer della fattoria biologica del castello e cacciagione accompagnati da eccellenti vini nazionali e internazionali.


Weitmoser Schlössl

Epoca
  • Cinquecento
Dove
  • Austria, Sankt Johann im Pongau
Contatta questa struttura

Vuoi ricevere ulteriori informazioni su questa struttura? Compila questo modulo inserendo i tuoi dati, verrai ricontattato al più presto. Ti raccomandiamo di inserire un indirizzo email valido.

Weitmoser Schlössl
  Schloßgasse, 14 - 5630 Bad Hofgastein
  +43 6432 6601
  www.weitmoser.at/
  https://www.facebook.com/Weitmoser.Schloss
  https://www.instagram.com/weitmoser.schloessl

Weitmoser Schlössl
Servizi offerti

Affitto per Cerimonie / Convegni Affitto per Cerimonie / Convegni
Bar / Caffè Bar / Caffè
Ristorante Ristorante

Weitmoser Schlössl Dove

Weitmoser Schlössl
Nelle vicinanze

E' tua questa struttura? Contattaci